12.4.11

Qualche impegno per il 12 Giugno? Io si!


"Oggi non si parla solo di cucina: avere un blog di ricette ti da la grandissima possibilità di conoscere e confrontarti con persone che hanno la tua stessa passione, e puo' capitare che tra un piatto di pappardelle, un grissino e un vassoio di biscotti, si trovino altri punti in comune. Ed è proprio quello che è successo a me, Sara, Benedetta e Serena. Complice un post su Qualcosa di Rosso, abbiamo scoperto di avere lo stesso incubo: il ripristino dell'utilizzo dell'energia nucleare nel nostro Paese. Ne abbiamo parlato a lungo, poi di comune accordo abbiamo deciso di estendere la conversazione a tutti voi, ma a modo nostro, in pieno foodblogger style: con un Non-Contest che vi ricordi che il 12 e 13 Giugno è necessario andare a votare per il Referendum, e votare SI, per impedire che in Italia vengano costruite nuove centrali nucleari. Noi crediamo che sia possibile un futuro diverso, per noi, per i nostri figli, per i nostri nipoti: siete ancora scettici? Informatevi: abbiamo consultato il Prof. Claudio Santi, docente all'Università di Perugia, che nelle righe qui sotto spiega quali sono i rischi e quali sono le bugie che ci raccontano sul Nucleare. Partecipate alla nostra iniziativa con una vostra ricetta e aiutateci a diffondere queste informazioni: in palio c'è anche un bellissimo libro di Cucina! "

Chi mi legge sà che sono una persona tranquilla e che in questo mio spazio ho sempre cercato di lasciare qualcosa di me sia con le mie ricette sia con le immagini della mia vita. Non ho mai voluto addentrarmi in discorsi di tipo politico o altro.


Però poi capita che al mondo succedano cose che non mi piacciono e allora mi fermo e penso. Penso a quello che faccio nel mio piccolo per poter far si che le cose cambino.

E così è stato quando il Giappone ha tremato, quando si sono verificati gli incidenti nucleari di Fukushima. Mi sono fermata e ho pensato che questo io non lo voglio nel mio paese. Non voglio il nucleare, non voglio che mio figlio corra uletriori rischi più di quelli che già corre. Voglio un'energia pulita, voglio prati e fiori! E mi chiedo cosa sto facendo e cosa ancora posso fare per ottenere questo (e non mi addentro sul fatto che il nucleare = business, soldi, tempo e scorie oltre che al pericolo terremoti e alla mafia... e tante altre cose...)

Percui non scrivo oltre e vi chiedo 5 minuti del vostro tempo per leggere attentamente quello che segue e  pensarci sù.


VOTA SI PER DIRE NO
Il nucleare produce pochi gas serra!

FALSO: Bisogna considerare tutte le fasi necessarie a far funzionare  una centrale, come ad esempio la sua costruzione, l'estrazione la  purificazione e l'arricchimento dell'uranio ed anche le fasi della sua  dismissione: messa in sicurezza delle scorie e smantellamento. Sono  questi processi che richiedono una enorme quantità di energia, quasi  tutta ricavata dalle fonti fossili. Se valutiamo quindi tutto il ciclo  di vita di una centrale la produzione di energia elettrica con il  nucleare produce una quantità di gas serra di poco inferiore alle  fonti fossili ma decisamente superiore a solare ed eolico.

Il nucleare ridurrà i costi dell'energia elettrica!

FALSO: La costruzione di una centrale nucleare è un processo  lunghissimo, dura circa dieci anni e richiede un investimento iniziale  enorme (10,8 miliardi di dollari per 1000 MW in Canada) che deve  essere ammortizzato per periodi lunghissimi (40-50 anni) al fine di  garantire in proficuo ritorno all'investitore. A questo va aggiunto  che il costo dell'Uranio sta crescendo e continuerà a crescere perché, esattamente come avviene per il petrolio, diventerà sempre più difficile prelevarlo dalla terra e purificarlo. Un recente studio 
Svizzero mette in evidenza che se la Svizzera  deciderà di continuare a produrre energia elettrica attraverso il nucleare andrà inevitabilmente incontro ad un aumento del costo dell'energia e quindi un aumento della bolletta a carico dei cittadini.

Esistono tecnologie in grado di superare il problema delle scorie!

FALSO: I reattori che possono essere progettati e costruiti oggi, ed  in particolare quelli che l'Italia intende commissionare alla francese  AREVA producono scorie altamente radioattive e che rimangono tali per  decine o centinaia di migliaia di anni. Il problema delle scorie a  livello planetario ha oramai raggiunto livelli preoccupanti, basti  pensare che neppure negli USA  finora è stata trovata una soluzione  migliore rispetto al dal nascondere in grotte scavate nelle montagne  desertiche del Nevada. Il problema della pericolosità delle scorie  condiziona anche il processo di dismissione di una centrale a fine  ciclo, una  operazione complessa, pericolosa e molto costosa, che in  genere si preferisce rimandare (in Gran Bretagna, lo smantellamento di  alcune centrali è stato rimandato di 100 anni), in attesa che la  radioattività diminuisca e nella speranza che gli sviluppi della  tecnologia rendano più facili le operazioni. Scorie e smantellamento  rappresentano la scomoda eredità che lasceremo sulle spalle delle  nuove generazioni.

Lo sviluppo dell'energia nucleare garantirà l'indipendenza energetica del nostro Paese!

FALSO: L'Italia non ha uranio, esattamente come non possiede il  petrolio. Quindi, se il settore elettrico decidesse di liberarsi dalla  dipendenza dei combustibili fossili utilizzando energia nucleare,  ntrerebbe in un?altra dipendenza, quella dall?uranio, anch?esso da  importare e anch?esso in via di esaurimento. In aggiunta a questo l'Italia  non ha neppure la filiera che porta  dall?uranio grezzo estratto dalle miniere all?uranio arricchito utilizzato nei reattori. Per il combustibile dipenderemo  totalmente da paesi stranieri, come ad esempio la Francia. La Francia però, a sua volta, non ha uranio e  per far funzionare i suoi reattori ne importa il 30% da una nazione politicamente instabile come il Niger.

L'energia nucleare è in forte espansione in tutto il mondo!

FALSO:   Da  vent'anni il numero delle centrali nel mondo è di circa  440 e nei prossimi anni (anche prima del disastro di Fukushima) si prevede che il numero di quelle che verranno spente sarà superiore al  numero di quelle che entreranno in funzione. In Europa nel 1995 il contributo del nucleare era circa il 24% della potenza installata, nel 2008 appena il 16%. Nel mondo in  due anni (2006-2009) l'energia elettrica prodotta col nucleare è diminuita di 60 Twh. Nel 2009 è stata annunciata una controtendenza soprattutto sulla spinta dei paesi emergenti Cina ed India, una controtendenza che ad oggi rimane ancora tutta nella teoria. In Europa l'unico nuovo reattore  in costruzione in Finlandia nel sito di Olkiluoto ha visto, ad oggi, più che  raddoppiati i tempi previsti per la consegna  così come i costi di messa in opera.

Le centrali di quarta generazione sono quasi una realtà!

POCO CREDIBILE: Se cosi fosse perché affrettarsi oggi a costruire una centrale di III generazione che rimarrà in funzione per i prossimi 50-60 anni?

Un disastro nucleare legato ad una centrale nucleare è un evento molto improbabile!

VERO MA: Fukushima ci insegna che anche quello che possiamo considerare oggi estremamente improbabile non può essere considerato impossibile. Il nucleare senza rischi non esiste.

"A cura del Prof. Claudio Santi, docente di Chimica Organica presso la Facoltà di Farmacia dell'Università degli Studi di Perugia"



Inoltre vi ricordo che allo stesso referendum si vota SI anche per dire no all'acqua privatizzata e per dire no al legittimo impedimento.

Per cui, noi quattro menti ecologiche :D, abbiamo pensato di indire un contest per sensibilizzare l'opinione di voi bloggers che siete tanti, anzi tantissimi e di voi lettori silenziosi e non. Vi lascio di seguito il regolamento. Se vi di partecipare noi ne saremmo veramente felici ma ancor di più se andrete a votare il 12 e 13 giugno!

Regolamento

1. È possibile partecipare al contest con una o più ricette obbligatoriamente a basso impatto energetico ossia: preparate con ingredienti di scarto e/o preparate con ingredienti autoprodotti e auto raccolti e di stagione e/o ricette cucinate o preparate in modo ecologicamente sostenibile;

2. Lasciate il link della vostra ricetta come commento esclusivamente al post dedicato al contest del blog L’Omin di Panpepato di Serena;

3. Tra tutte le ricette partecipanti ne verrà scelta una sola vincitrice a giudizio insindacabile di noi ideatrici;

4. Vincerà la ricetta che abbia centrato appieno il tema, svolgendolo nel migliore dei modi ed attenendosi il più possibile al punto 1 del regolamento;

5 Saremmo liete se inserirete il logo nel post della vostra ricetta e, se possibile, in una colonna del vostro blog linkandolo a questo post (ma non vogliamo obbligare nessuno);

6. Si può partecipare fino a domenica 5 giugno 2011 in modo da dichiarare il vincitore domenica 12 giugno primo giorno del referendum;

7. Alla fine tutte le ricette partecipanti verranno raccolte in un pdf che avrà come copertina la foto della ricetta vincitrice;

8. Al blog vincitore andrà una copia autografata del libro di Lisa Casali “La cucina a impatto [quasi] zero” che gentilmente ci supporta in questa nostra iniziativa - www.ecocucina.org -

Confido in voi, con tutto il cuore

Martina

15 commenti:

  1. Siamo grandiose. Tutte e 4, giuro.

    RispondiElimina
  2. condivido l'opinione di Sere, vi abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Martina è una splendida idea che appoggio più che volentieri. Bravissime bella idea.

    RispondiElimina
  4. Bellissima iniziativa alla quale partecipo molto volentieri. Anche io ho il terrore che venga ripristinato il nucleare, tant'è che ho smosso mari e monti per avere la certezza di poter tornare nella mia città di residenza (anche se in quei giorni avrei dovuto essere altrove) per votare Sì al referendum. E' una responsabilità importante a cui nessuno di noi dovrebbe sottrarsi, per questo è fondamentale continuare a sensibilizzare l'opinione pubblica al riguardo...ora metto subito il banner nel mio blog e poi cercherò di mandare la mia ricetta appena possibile al blog di Serena :) Brave e ancora brave!! Un abbraccio, Alessia

    RispondiElimina
  5. i pooh ci fanno un baffo :-)

    RispondiElimina
  6. Quando l'ho sentito al telegiornale ho subito pensato "ma sono matti!!" Sai che ultimamente non ho preso parte a niente ma in questo caso non posso lasciar perdere e non dare il mio contributo ad una causa troppo importante!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. bellissima iniziativa, condivido al 100% tutto quanto. La Terra è una sola, già roviniamo noi stessi, rovinare lei è un delitto impagabile.
    metto subito il banner nel blog!!!
    e ho in mente la ricettina.. :P

    RispondiElimina
  8. decisamente contro il nucleare! mi trovi d'accordo su tutto!

    RispondiElimina
  9. Bellissimo post... e bella iniziativa : brava !!!

    RispondiElimina
  10. @Onde e Sara: si, siamo grandi :)))

    @Dolceamara: grazie tesoro!

    @Menta Pipperita: ti aspettiamo allora! bello sapere che ci sono molte persone che la pensano così :)

    @Marifra: grazie anche a te cara!

    @Alice: le tue parole sono perfette!

    @gio: :)

    @Chiara e Germano: grazie merito mio e delle altre tre ragazze fenomenali :)

    RispondiElimina
  11. Complimenti per l'iniziativa... non tarderà una mia ricetta!!

    RispondiElimina
  12. Stupenda iniziativa, non vedo l'ora di mettermi all'opera. Bravissime!!!

    RispondiElimina
  13. ohhh che splendida iniziativa!!!!! certo che partecipo!!!! corro (diciamo quasi subito!!!) a mettere il banner!!!

    baci

    RispondiElimina
  14. @cooking terapy e Marina: grazie!

    @Maetta: sei un amore :)

    RispondiElimina
  15. E' un'iniziativa da diffondere ....

    RispondiElimina

Credo che nella vita non si finisca mai di imparare, per cui ogni tua critica, consiglio o suggerimento purchè costruttivo è ben accetto! Grazie :-)