7.2.12

Il frico di nonna Bila

Frico di formaggio e patate
©martinap.photo - all right reserved
Voi non sapete quante volte ho desiderato condividere la ricetta di questo piatto, ma ogni volta che lo preparo e rigorosamente quando sono nella casa in montagna, non ho mai il tempo per fotografarlo ( e anche questa volta la foto è rubata...) ma mi son detto o adesso o mai più. E poi con questo freddo un piatto ricco e calorico come questo ci sta :-)

Per chi non lo sapesse il frico è un piatto a base di formaggio di origine carnica, forte e gustoso lo si può trovare sia friabile e fatto di solo formaggio che morbido fatto anche con le patate (c'è chi ci mette pure la cipolla). Il mio è quello morbido e oltre ad essere un piatto ultra richiesto dai miei ometti fa parte della mia "eredità culinaria". Ossia la mia nonna materna (esule dall'Istria verso  la Carnia durante la seconda guerra mondiale) lo preparava a mia mamma e ai miei zii più che altro per utilizzare gli scarti di formaggio. Mia madre, nata subito dopo la guerra proprio in terre carniche, poi lo preparava a noi bambine raccontandoci tutta la loro storia...

Ora lo preparo io con la ricetta della mia nonna... nonna Bila per noi :-) tramandatami da mia mamma.
Certo se siete a dieta o se avete problemi di colesterolo stateci alla larga...

Frico di patate e formaggio
Ingredienti per 4 persone: 5 patate medie, 150gr di formaggio latteria o Montasio fresco, 150gr di formaggio latteria o Montasio mezzano, 100gr di formaggio latteria o Montasio stagionato, 1 pugno di farina di polenta, olio d'oliva, sale.

Pelare le patate  e tagliarle per la larghezza a fette abbastanza sottili. In un tegame basso dal fondo pesante  far scaldare poco olio d'oliva aggiungere le patate, salarle leggermente e cuocerle coperte a fuoco vivace finché non saranno dorate e morbide. Quindi con una spatola di legno romperle nella pentola. Nel frattempo tagliare a fettine sottili anche i formaggi. Unirli quindi alle patate, sempre a fuoco acceso e lasciarli fondere. Aggiungere il pugno di farina di polenta e iniziare a mescolare impastando le patate con il formaggio fino a formare un specie di "frittata". Coperchiare, abbassare il fuoco al minimo e far cuocere finché non si forma una crosticina sul fondo quindi rigirare il frico e lasciar fare la crosticina anche dall'altra parte. Scolare l'eventuale grasso del formaggio in eccesso e servire caldo rigorosamente accompagnato da polenta.

Buonissimo proseguimento di settimana

Martina

27 commenti:

  1. Mi è venuta un gran fame a guardare il tuo blog :) E' davvero tutto molto invitante!!
    Vorrei invitarti a partecipare ad un food contest, è organizzato sul magazine DOnna In e in palio ci sono un pò di premi forniti da PAVONIdea, si chiama Sfizia&Delizia ed è aperto a tutte le food blogger, quindi puoi anche invitare chi vuoi o passareparola, ti lascio il link:
    http://www.donna-in.com/2012/02/1-food-contest-di-donna-in-sfizia-delizia/

    Intanto ti ringrazio e mi farebbe piacere averti tra noi :)

    RispondiElimina
  2. Quanto mi piace il frico, io non l'ho mai preparato, prendo la tua ricetta, chissà che uno di questi giorni non decida di provarci... baci

    RispondiElimina
  3. lo adoro! insegno in un alberghiero (matematica!)e quando i miei alunni ce l'hanno in esercitazione mi prenoto sempre per il pranzo! Il tuo sembra divinamente squisito!

    spery di "babà che bontà"

    RispondiElimina
  4. L'avevo mangiato solo in una trattoria in montagna e mi era piaciuto da pazzi, mi ero ripromessa di farlo, ma poi me ne sono dimenticata. Questa ricetta la voglio proprio provare! Mi torna in mente il sapore! Che delizia!

    RispondiElimina
  5. Lo conosco di nome ma non l'ho mai assaggiato. In verità problemi di colesterolo ne avrei ma credo valga bene uno strappo, dev'essere buonissimissimo. E se la ricetta è della nonna...Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma si dai un pezzettino non ha mai ucciso nessuno :-)

      Elimina
  6. Mai assaggiato ma lo conosco di fama e da amante del formaggio in ogni sua declinazione non sai quanto darei per assaggiarne un po' :)

    RispondiElimina
  7. non lo conoscevo il frico, ma leggendo la ricetta mi è venuta un'acquolina! :P

    RispondiElimina
  8. Che libidine coi fiocchi, Martina! Siamo anche in tema! ..di fiocchi intendo! È un argomento tabù questo piatto ricco di gusto ma anche di formaggio che amo ma non posso mangiare sennò sto male una settimana come minimo.. Mi rifaccio gli occhi con l'acquolina in bocca però.
    bacinotte,
    Sissa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che peccato e non si può neanche preparare con altro :-( ma ti fanno male anche i formaggi di capra/pecora? magari qualcosina ne esce comunque :-)
      Un abbraccio

      Elimina
  9. Una vera libidine, io lo adoro ...questi piatti della tradizione sono fenomenali.
    Baci.

    RispondiElimina
  10. Fantastico!!! Quando siamo scesi a Ud per le feste mi sono portata un bel pezzo di montasio per poter fare un buon frico a casa. Ma se questo viene proprio da una ricetta carnica allora te lo devo proprio copiare! Con questo tempo polare mangerei solo frico e polenta ^__^
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) si è proprio una ricetta "originale" poi c'è chi lo fa anche in altri modi

      Elimina
  11. per me è proprio una novità! Bellissimo piatto!

    RispondiElimina
  12. Il frico mi ricorda i tempi dell'università che ho fatto a Gorizia....e anch'io lo mangiavo in versione nonna-zia-mamma di alcuni amici....
    Che cosa buonissimissima!!
    Grazie per la ricettina, la proverò sicuramente! :-)

    RispondiElimina
  13. il frico è uno spettacolo in tutte le sue versioni, sia soffice che croccante. lo mangiai anni fa in un famoso ristorante friulano e da quel giorno non l'ho più dimenticato! Comunque complimenti per il bel blog, ricco di spunti interessanti

    RispondiElimina
  14. Una casa in montagna dici?!?
    Chissà che splendore :)
    Questo frico mi attira moltissimo, peccato non avere i formaggi giusti: ma chissà, magari un giorno lo mangerò in loco ;)
    Un abbraccio caldo,

    wenny

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai! fammi spanciare e abituare al nuovo arrivato e poi si potrebbe fare no? c'è spazio per sei nella casa :-))) un bacione grande

      Elimina
  15. Le ricette che hanno una storia sono quelle più buone :)
    Jas

    RispondiElimina
  16. del frico ne avevo sempre e solo sentito parlare! sono proprio contenat di ver scoperto gli ingredienti di questo piatto tanto conosciuto!
    grazie :)

    RispondiElimina

Credo che nella vita non si finisca mai di imparare, per cui ogni tua critica, consiglio o suggerimento purchè costruttivo è ben accetto! Grazie :-)